Registered works

Share
Facebook   Twitter   Google+
Medina Zabo

Place of birth: AREZZO
Date of birth: 09/09/1979
works and lives at CASTIGLIONE DEL LAGO

Sineddoche

Ecce Homo

Registratore di Resurrezione

La fame americana

Il processo creativo del mio lavoro attraversa la ricerca di una messa a fuoco rispetto allo spazio occupato come appartenenza e legittimazione. La scelta della cera come medium è polivalente e a tratti disturbatrice. la scelta avviene tuttavia sotto forma di pensiero in automatismo.

la cera d'api rivela, la cera rettificata cela.

Tra di esse è l'elemento fuoco a determinare una possibilità di lettura: il ferro, l'argilla cruda, il legno essiccato o inaridito.

Indagando questo spazio lascio che la materia comunichi senza intrusione se non quella di dare avvio al processo stesso della trasformazione. La messa a fuoco, così, da processo fisico o semplicemente concettuale diventa espressione alchemica.


_bio collezionista di parole dopo una laurea in scienze della comunicazione con una tesi in semiotica presso l’università degli studi di perugia, e una specializzazione in comunicazione web alI'istituto europeo di design a roma, ha lavorato come giornalista e reporter per testate giornalistiche ed emittenti televisive regionali e web. nel 2015 si iscrive all'accademia di belle arti di perugia, insignita della borsa di studio cheng ming. attualmente frequenta il terzo anno del corso di pittura presso l’accademia di belle arti di roma. performer per andreco (centro per l’arte contemporanea luigi pecci, prato), eliza soroga (11th art prize laguna, venezia) e per aram bartholl (57th biennale venezia, hyper pavilion). selezionata per anopticon_ panopticon (trebisonda, centro per l’arte contemporanea perugia, 2016), opera prima (pinacoteca di spello, 2016 a cura di Sistema Museo regione umbria e aba), menzione speciale per premio nazionale artistico antonio ranocchia (museo dinamico del laterizio, marsciano, 2017) finalista VII biennale arteInsieme - mimmo paladino e i giovani artisti (mole vanvitelliana, ancona, 2017 a cura di museo tattile omero mibact e tactus centro per le arti contemporanee), finalista biennale d’arte contemporanea premio shingle22J (nettuno 2017).